030220313 info@studiombc.com
Lun - Ven 9.00 - 18.00
Via Aldo Moro, 5 25124 Brescia

TRANSIZIONE 4.0

TRANSIZIONE 4.0

Scarica il nostro DOSSIER “INCENTIVI Legge di Bilancio 2021”. Incentivi contenuti nell’articolo 1, commi da 1051 a 1067, della Legge di Bilancio 2021 pubblicata in GU (30/12/2020).

Proroga e rafforzamento degli incentivi del Piano Transizione 4.0 esteso sino al 2022. Importanti novità contenute nella Legge. Scopri di più

AGGIORNAMENTI ULTIMA ORA

Credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi: trattrici agricole con il relativo equipaggiamento hardware e software

21/04/2021

Credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi: trattrici agricole con il relativo equipaggiamento hardware e software.

Con la risposta n. 265 del 19 aprile 2021 l’Agenzia delle Entrate specifica che tra gli investimenti agevolabili nel credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi rientra l’acquisto di trattrici agricole con il relativo equipaggiamento hardware e software necessario per la gestione, trasmissione ed elaborazione dei dati al sistema aziendale.

“CREDITO D’IMPOSTA BENI STRUMENTALI: MANUTENZIONE TEMPORANEA SU PIPELINE NON È DELOCALIZZAZIONE”

21/04/2021

“CREDITO D’IMPOSTA BENI STRUMENTALI: MANUTENZIONE TEMPORANEA SU PIPELINE NON È DELOCALIZZAZIONE”

Con la risposta all’interpello nr. 259 del 19 aprile 2021, l’Agenzia delle entrate affronta il tema del recupero (c.d. recapture) del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali ex L. 160/2019 nell’ipotesi di utilizzo temporaneo dei beni all’estero.

Il caso affrontato è quello di un’impresa che produce macchinari destinati, per loro funzione, ad essere impiegati nell’ambito di un servizio di manutenzione di tubazioni o nuove pose prevalentemente su impianti (pipeline) ubicati al di fuori del territorio nazionale.

Secondo l’Ade, lo svolgimento di attività di manutenzione eseguibili sulle pipeline, con un impiego temporaneo di mezzi e personale (quindi non destinati ad una struttura produttiva estera), anche al di fuori del territorio dello Stato, non configura un’ipotesi di delocalizzazione, a condizione che detti beni agevolabili appartengano alla struttura produttiva italiana sotto il profilo organizzativo, economico e gestionale e che siano utilizzati nell’attività ordinariamente svolta dalla stessa.

“PROPORZIONALITA’ TRA LA SANZIONE COMMINATA E LA VIOLAZIONE IVA”

19/04/2021

“PROPORZIONALITA’ TRA LA SANZIONE COMMINATA E LA VIOLAZIONE IVA”

I Giudici nazionali e l’Agenzia delle Entrate non possono applicare le sanzioni Iva in modo automatico. Nel rispetto dei principi fondamentali UE di proporzionalità, effettività e certezza, gli Organi giurisdizionali nazionali devono al contrario, caso per caso, tener conto del comportamento del contribuente (errore, negligenza, volontarietà dell’evasione etc…) e delle circostanze in cui è avvenuta la violazione.

Conformemente all’art. 273 della Direttiva Iva, le sanzioni tributarie non devono in ogni caso eccedere quanto necessario per raggiungere l’obbiettivo dell’esatta riscossione dell’imposta.

Così si è espressa da ultimo la Corte di Giustizia UE con sentenza “Grupa Warzywna” del 15 aprile 2021.

Correzione quadro Aiuti di Stato: chiarimenti Agenzia delle Entrate

16/04/2021

Correzione quadro Aiuti di Stato: chiarimenti Agenzia delle Entrate

Con la RISOLUZIONE N. 26 /E del 15/04/2021 l’Agenzia delle Entrate fornisce dei chiarimenti in merito all’errata compilazione della sezione Aiuti di Stato nelle dichiarazioni fiscali dal periodo d’imposta 2018.

Nelle istruzioni alla compilazione del quadro Aiuti di Stato della dichiarazione e nelle relative specifiche tecniche, è precisato che l’ammontare complessivo dell’aiuto spettante consiste nel risparmio d’imposta oppure nel credito d’imposta spettante nel periodo.

Qualora il contribuente ritenga di aver erroneamente compilato il quadro Aiuti di Stato, inserendo l’ammontare della deduzione o della variazione in diminuzione – su cui è calcolata l’agevolazione – in luogo dell’importo dell’aiuto spettante, con conseguente incongruenza dell’importo dell’aiuto individuale iscritto in RNA, potrà presentare una dichiarazione integrativa con l’importo corretto sulla base di quanto previsto dai commi 8 e 8-bis, dell’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322.

A seguito della presentazione della dichiarazione integrativa da parte del contribuente, l’Agenzia delle entrate procederà a effettuare la conseguente correzione in diminuzione del maggior importo precedentemente iscritto in RNA dell’aiuto individuale.

Regione Lombardia: “Linea Internazionalizzazione Plus”: domande a partire dal 20 aprile 2021

13/04/2021

Regione Lombardia: “Linea Internazionalizzazione Plus”: domande a partire dal 20 aprile 2021

Con D.d.u.o. 9 aprile 2021 – n. 4860 Regione Lombardia ha stabilito l’approvazione del bando per la presentazione delle domande di finanziamento a valere sulla Linea Internazionalizzazione Plus in attuazione della l.r. n. 35/2016 e della d.g.r. n. XI/3925 del 30 novembre 2020. La misura riguarda la realizzazione di programmi integrati atti a sviluppare e/o consolidare la presenza e la capacità di azione delle PMI lombarde nei mercati esteri

Le domande di adesione dovranno essere presentate telematicamente a partire dal 20 aprile 2021 sino ad esaurimento della dotazione finanziaria e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, salvo proroga.

Per approfondire la misura si rimanda al seguente articolo predisposto: “Bando Internazionalizzazione PLUS”

DL Sostegni: codici tributi contributo a fondo perduto

13/04/2021

DL Sostegni: codici tributi contributo a fondo perduto

Con RISOLUZIONE N. 24/E dell’Agenzia delle Entrate vengono istituiti i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del contributo a fondo perduto di cui all’articolo 1 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, e per la restituzione spontanea, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, del contributo non spettante.

Per consentire l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del contributo a fondo perduto, nei casi in cui il contribuente abbia scelto tale modalità di fruizione, è istituito il seguente codice tributo:

  • “6941” denominato “Contributo a fondo perduto Decreto Sostegni – credito d’imposta da utilizzare in compensazione – art. 1 DL n. 41 del 2021”.

Per consentire la restituzione spontanea del contributo a fondo perduto non spettante, erogato mediante accredito su conto corrente o utilizzato in compensazione, nonché il versamento dei relativi interessi e sanzioni, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (c.d. F24 ELIDE), si istituiscono i seguenti codici tributo:

  • “8128” denominato “Contributo a fondo perduto Decreto Sostegni – Restituzione spontanea – CAPITALE – art. 1 DL n. 41 del 2021”;
  • “8129” denominato “Contributo a fondo perduto Decreto Sostegni – Restituzione spontanea – INTERESSI – art. 1 DL n. 41 del 2021”;
  • “8130” denominato “Contributo a fondo perduto Decreto Sostegni – Restituzione spontanea – SANZIONE – art. 1 DL n. 41 del 2021”.

BANDI ATTIVI

TUTTE LE NOTIZIE

MBC SI INNOVA

PMI INNOVATIVA

Dal 2019 MB Consulting S.R.L. è diventata PMI Innovativa

ERRE PUBLISHING

Dal 2019 MB Consulting S.R.L. diventa editore con il nome di ERRE Publishing Pubblicazioni

PRINCIPALI SERVIZI

FORMAZIONE FINANZIATA...

Aiutare l’impresa a cogliere le opportunità di crescita ottimizzando le risorse disponibili per finanziare la formazione continua.

FINANZA AGEVOLATA...

Seguire l’impresa nel suo percorso di sviluppo, dall’analisi dell’investimento alla scelta ed utilizzo degli incentivi migliori.

RATING DI LEGALITA'...

Affiancare l’impresa nell’ottenimento delle stellette della premialità per migliorare le performance aziendali.

SPECIALI

IMPRESA 4.0

Sostenere l’automazione, la digitalizzazione
e la globalizzazione

RICERCA & SVILUPPO

Incentivare le imprese che investono
in Ricerca & Sviluppo

TRANSIZIONE 4.0

Tutti gli incentivi previsti
nella Legge di Bilancio 2021