030220313 info@studiombc.com
Lun - Ven 9.00 - 18.00
Via Aldo Moro, 5 25124 Brescia

PNRR e PMI: le opportunità del Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0

PNRR e PMI: le opportunità del Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0

Le regioni e le associazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese hanno attivato iniziative per agevolare le PMI ad accedere alle opportunità offerte dal Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0, il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund italiano.

***

Alcune regioni italiane, insieme alle associazioni di rappresentanza delle piccole e medie imprese, a hanno dato avvio a progetti legati al sostegno delle PMI nella Transizione 4.0. Il Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0, inserito all’interno del DL “Sostegni-bis” 73/2021, è il primo strumento messo in campo dal Governo per sostenere la ripresa delle PMI dopo il difficile periodo di pandemia.

Il Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0 ha due obiettivi principali:
– Stimolare gli investimenti privati;
– Dare stabilità e certezze alle imprese con misure che hanno effetto da novembre 2020 a giugno 2023.

Per ottenere questi obiettivi sono stati messi in campo diversi incentivi fiscali che riguardano: il credito d’imposta, la maggiorazione dei tetti e delle aliquote per investimenti in beni materiali e immateriali (in particolare quelli 4.0), ricerca & sviluppo, innovazione, design, green e formazione.

Stando a quanto è emerso dal Bando Made in Lombardia, i progetti selezionati avevano ad oggetto le seguenti tematiche: la progettazione, l’ingegnerizzazione e lo sviluppo prodotto con sistemi di realtà aumentata e virtuale, la pianificazione e il controllo in tempo reale della produzione, l’intelligenza artificiale e big data analytics, i sistemi digitali di supporto all’operatore e gli strumenti digitali a supporto di politiche di manutenzione 4.0.

Le principali azioni messe in campo da alcune Regioni sono:

  • Lombardia: percorsi formativi a favore della digitalizzazione delle PMI del territorio incardinate a 5 filoni tematici: prodotto 4.0 e processo 4.0; manutenzione 4.0; big data 4 small business; automazione, robot, cobot ed ottimizzazione di processo; transizione sostenibile ed economia circolare.
  • Lazio: 7 milioni e mezzo di euro a fondo perduto messi a disposizione dal bando Voucher Digitali Impresa 4.0 Anno 2021 per sostenere le realtà produttive che puntano all’adozione di tecnologie e strumenti digitali
  • Campania: grazie alla piattaforma tecnologica Fabbrica Intelligente vengono fornite una serie di facilities per la realizzazione dei programmi Industria 4.0.
  • Sardegna: grazie al contributo della Confartigianato, si offrono servizi e supporti innovativi all’intera filiera regionale composta da quasi 1.800 realtà artigiane.
  • Liguria: vengono offerte, con la collaborazione di Genova Start 4.0, attività mirate allo sviluppo di imprese e start-up innovative sull’intero territorio regionale.

Le risorse, così come i progetti, ci sono ma a preoccupare l’intero settore è la mancanza di “procedure snelle”. Il rischio è che le PMI non riescano a superare gli iter burocratici farraginosi oppure che le risorse stanziate con il PNRR non siano impiegate in maniera virtuosa. Il settore si aspetta che siano varate anche riforme strutturali finalizzate alla semplificazione burocratica, all’inserimento dei giovani, alla formazione di imprenditori e lavoratori affinché si generi un circolo virtuoso e un volano per l’intera economia e quindi nuovi posti di lavoro.

***

Contattaci per avere maggiori informazioni: clicca qui

Vuoi ricevere maggiori informazioni?
L’analisi di fattibilità è gratuita! Compila il forum qui sotto e ti ricontatteremo al più presto!